sabato 14 aprile 2018

IMPASTIAMO EMOZIONI: LA FROLLA CLASSICA



Sono fatta di periodi, asterischi e sfumature. Ho attraversato la fase adolescenziale con capelli fintamente biondi, per andare successivamente ad approdare nella fase dark della mia vita; fingendomi una nera naturale . Ora sto bene nel mio castano, con le mie camicie la sera, i maglioncini il pomeriggio. Con i miei attimi di scrittura fluente, da fiume in piena, a quelli di siccità dove non arriva nemmeno l’intuizione per scrivere una singola parola . Momenti in cui sono piena di energia e attimi dopo che pigramente mi ritrovo sul divano a guardare vecchi film.
E questo, che periodo è?! Cosa mi ritrovo a  fare e pensare in questi giorni di Aprile di pioggia, che porta con se’ un po’ di malinconia; se non alla produzione di tarte?!

giovedì 29 marzo 2018

IMPASTIAMO EMOZIONI : LA RICETTA DELLA TARTE DI FRAGOLE



Mettere  le mani in pasta; c’è qualcosa di più catartico di sprimacciare un impasto affinché si amalgami bene insieme e diventi unito, bello e morbido ?! Toccare con mano il burro freddo che si incontra con i granelli di zucchero e ammorbidirli insieme, fare da mediatore, così che possano diventare amici e creare un qualcosa di magico. Poi arrivano le uova, biologiche e allevate a terra, quelle si che danno tutto un altro sapore alla frolla ! La farina e il panetto che a poco a poco si compie. Ah, e non vogliamo dimenticarci della vaniglia! Il mio aroma preferito. Non c’è frolla che non venga bagnata da poche gocce di estratto; anche quello fatto in  casa. E poi le mani, a completare l’opera..  il profumo deve arrivare al cuore del prodotto .    Poi come sempre interviene mamma; che insiste affinché la frolla incontri la zeste di limone, perché lei è classica e la nonna le ha insegnato così.

E così che si impastano emozioni, che si lavano fragole e che si ride un po’. Una tarte da fare insieme, perché deve piacere un po’ a tutti; deve fare  bene a tutti!. Una frolla morbida che incontra il gusto di vivace della crema pasticcera; fragole alla fine per far sbocciare questo fiore, dopotutto siamo a Primavera.
E conoscete modo migliore per salutare un mese che se ne va?! Io non credo. Una fettina di questa delizia e passa la paura, insieme ai malumori che ogni tanto ci oscurano il nostro viso sorridente.

Allora ciao Marzo, grazie di essere passato per di qua, di essere entrato ancora una volta nelle nostre vite e di averci insegnato la bellezza della rinascita. Di averci fatto capire, ancora una volta, che non è vano sperare e che prima o poi tutti i nostri sogni potranno essere conquistati.

Buona Primavera a tutti. Buona Pasqua. Buona Rinascita.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...