martedì 12 dicembre 2017

The CHRISTMAS GUIDE: GUIDA AI REGALI DI NATALE


Tra tazze e tazzine. Lucine e ghirlande sparse in ogni dove . Tra le cose da fare e regali. Tra panettone e pandori. Dicembre sarà pure il mese della magia, ma anche dello stordimento e della ricerca del regalo perfetto.
Io sono piena sostenitrice  che il regalo perfetto sia quello più magico,  fatto con il cuore, con le emozioni cariche e il sorriso di chi pensa “questo è perfetto per quella persona”. O “ha proprio bisogno di questa cosa!”. E ti sento euforico nel averlo trovato, tanto che vorresti saltare per tutto il negozio con un sorriso a trentadue denti; ma poi ti ricordi che non sei più una bambina e che queste figure non puoi permettertele ! ;)
E quindi, per non trasformare un momento così bello, in cui dovremmo essere in qualche modo più vicini alla persona in cui decidiamo di presentare il petit cadeau;  in attimi di puro e concitato stress,  ho deciso di fare un piccolo appunto mentale diviso per categoria di persona; che poi ho deciso di trascrivere per non dimenticare nulla e che, infine, ho deciso di pubblicare perché magari potrebbe essere utile a qualcuno di voi.
 O avete già archiviato il capitolo regali?!

lunedì 20 novembre 2017

THANKSGIVINING. UNA PUMPKIN PIE PER DIRE GRAZIE .


Quest’oggi voglio offrirvi una fetta di pumpkin pie per dirvi grazie. Questa è la settimana del Thanksgivining, il giorno del Ringraziamento, e anche se non è una festa nostrana; quest’anno ho deciso di farmela un po’ mia e di portarla alla celebrazione. Spero che possiate farla anche po’ vostra e sfornare pumpkin pie ha tutto spiano, che il posto che vi accoglie la sera quando siete più stanchi, più vulnerabili, possa profumare di cannella, chiodi di garofano e anice stellato. Come dicevo, non è una nostra tradizione, ma perché non potrebbe diventarlo, in questa settimana, o tutta la vita: perché in fin dei conti, tutti dobbiamo ringraziare qualcosa. Sempre. O qualcuno, che abbia sporto l’ancora di salvezza in un momento drastico della nostra vita, in cui ci siamo attaccati per poter rivedere la luce del sole, uscire dalla marea che ci ha trascinati in fondo, risalire, respirare ancora a pieni polmoni. Questa vuole essere un ode alla sofferenza. Perché non è vero che la sofferenza è sempre una brutta bestia, una fastidiosa canaglia.
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...