venerdì 31 luglio 2015

Viva la Pasta!








A me piace da impazzire la Pasta!
Per me, è uno degli ingredienti cardini dei miei pranzi! Posso saltare la carne; stare attenta alla quantità di pane che mangio… ma mai, e poi mai, potrò rinunciare alla Pasta 
( pasta con la P maiuscola, da notare)!

Con i suoi innumerevoli condimenti…non potrò mai reputarla noiosa o poco appetibile. 
Siete d’accordo con me?
E’ un alimento che si accorda con tutto ed è per tutte le stagioni! La si può trasformare in un ottima insalata fredda per sconfiggere le alte temperature. Oppure, in una calda pietanza pronta a coccolarci nei mesi più freddi (vedi le lasagne, ad esempio). Può essere forte con i suoi condimenti decisi (arrabbiata?!); può essere semplice: con un sughetto preparato con i pomodorini freschi dell’orto.

O, come dice mia nonna, può avere un gusto leggero. Leggero se si hanno delle ottime zucchine pronte per essere saltate in padella; dello zafferano e della panna da far incontrare…
Come nella mia ultima creazione…





Linguine con zucchine e crema allo zafferano


Per 4 persone

300 g di linguine – 2 zucchine medie – 1 bustina di zafferano – 100 ml di vino bianco – 100 ml di panna fresca – uno spicchio di aglio – olio extravergine di oliva – sale – pepe

Laviamo e priviamo le zucchine delle due estremità. Tagliamole a fette, per il senso della lunghezza, e poi a listarelle. Saltiamole in una padella con l’aglio in camicia e qualche goccio di olio. Rosoliamole finché non saranno dorate; successivamente sfumiamo con del vino bianco. Una volta fatto evaporare l’alcol, aggiungiamo lo zafferano e la panna. Quindi facciamo addensare il composto per qualche minuto a fuoco basso. Saliamo e pepiamo. Facciamo cuocere la pasta in abbondante acqua salata, scoliamola e trasferiamola nella padella con la salsa. Facciamo insaporire per qualche minuto e serviamo, subito dopo.



In questa ricetta ho tagliato la zucchina a listarelle, per un semplice fatto estetico. Voi, naturalmente, potrete tagliarla come più vi piace. E per chi non lo sapesse, il taglio a listarella sarebbe come un fiammifero… lungo, lungo e fino, fino.
Ho usato l’aglio in camicia (cioè con la pellicina) perché così è più facile da togliere e conferisce al piatto tutto il suo sapore, senza mai eccedere.


Alla prossima ricetta…

Federica.

2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...