venerdì 23 ottobre 2015

OTTOBRE, TEMPI DI...



Dopo giorni di “studio pazzo”( come li definiva Giacomo Leopardi)… torno a scrivere nel blog e –soprattutto- ritorno nella sezione “In the Shopping Bag”.

Lo scorso mese vi ho descritto i Fichi, frutto dolce e morbido con cui preparo vasetti e vasetti di marmellata!

Ma per Ottobre, cosa abbiamo?
Zucca a volontà… i primi Funghi che con i risotti si sposano alla perfezione … e… Melagrane!! Frutto non per nulla dolce; poco pratico da aprire, ma buonissimo da mangiare!






Originaria dell’Iran e dell’India, la Melagrana, ha assunto fin da subito, una forte valenza simbolica. Ad esempio, i Persiani la consideravano simbolo di invincibilità. Gli ebrei, invece, la credevano portatrice di ricchezza (per via dei suoi molti semini). Nel XXVIII secolo, grazie ai colonizzatori spagnoli, questo frutto fu fatto conoscere anche nel Nuovo Mondo. Prima in Sud America e poi, successivamente, si estese in Messico e Stati Uniti.

In Italia, la sua maturazione avviene in Autunno e grazie al robusto involucro, i suoi “semini” si possono mantenere fino al periodo natalizio.

Intorno a questo frutto sono nate molte leggende legate agli Dei greci, in primis, e moltissime poesie sono state scritte! E’ stata decantata da S. Francesco nel suo “Cantico dei Cantici” e Giosuè Carducci nel “Pianto Antico”.


L'albero a cui tendevi
La pargoletta mano,
Il verde melograno
Da' bei vermigli fiori
Nel muto orto solingo
Rinverdì tutto or ora,
E giugno lo ristora
Di luce e di calor.
Tu fior de la mia pianta
Percossa e inaridita,
Tu de l'inutil vita
Estremo unico fior,
Sei ne la terra fredda,
Sei ne la terra negra;
Né il sol piú ti rallegra
Né ti risveglia amor.

Oltre ad essere conosciuta nell’arte, la Melagrana è molto famosa per le sue proprietà benefiche.

E’ frutto povero di grassi e proteine. Ma, contiene molta Vitamina C e B6. E’ ricca di potassio e polifenoli: Antociani (che donano il colore rosso) e i Tannini.

Molto consumato è il succo di melagrana perché contiene una grande fonte di Antiossidanti che, catturano i radicali liberi (sostanze tossiche responsabili dell’invecchiamento cellulare!). In più, bevendo questo succo in modo regolare si può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, si può proteggere le cartilagini articolari. Infine, è riconosciuta per la sua azione preventiva contro tumori al seno, colon, prostata e cavo orale.





Un Frutto economico, buono e che fa bene alla nostra salute!
Non possiamo non portarlo nelle nostre tavole!

Federica.




Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...