venerdì 5 febbraio 2016

GIORNO 05 { 19 ANNI, ISTRUZIONI PER L’USO}



Ed eccoci qua. Di nuovo al 5 di Febbraio. Per voi un giorno come un altro, per me è tutto! Un giorno che ogni volta che passa sancisce un anno in più e la mia maturità (maturità che riscontro solo su carta, però).

Diciannove anni fa, un mercoledì mattina pieno di nebbia… nascevo io. Per la gioia dei miei genitori, un fagottino rosa è stato depositato tra le loro braccia!


Piano, piano e giorno dopo giorno… con tutte le mie insicurezze e le mie fisse sono cresciuta. Sono arrivata ad essere ciò che sono. Non perfetta, non bella e nemmeno attraente. C’è chi mi giudica acida e chi simpatica. Chi pensa che sono solo una perfettina e chi, invece, mi crede pazza! Snob, stronza… sono tutti epiteti che conosco. Per me Federica, invece, è solo una ragazza con un anima tenera, sepolta sotto strati e strati di finto menefreghismo. Una ragazza che, se presa alle maniera giusta, sa donare cuore e un pezzettino di se’. Sono una persona che cerca di essere ottimista e felice. Perché se non portiamo noi un po’ di gioia, chi dovrebbe? Se mi incrociaste per strada vedreste una me schiva, che non vuole mai svettare sopra gli altri. Una me che cammina da sola per la propria strada; anche se ultimamente ha perso la sua bussola! Sorridente e allegra, se ha la giusta compagnia! Se vuoi conoscermi bene, devi avere pazienza. Riflessiva e, forse, un pochino metodica; ma se vuole cambiare un taglio di capelli non ci pensa due volte! Rossetto rosso la sera. Burrocacao di giorno. Pizza, hamburger e patatine mischiate insieme all’amore per il buon cibo e la buona cucina! Sognatrice, sempre. Sogno l’estate 2016, Milano e di trovare la forza e il momento giusto per spiccare il volo. Sogno un isola che forse non c’è. Sogno che tutti i miei vorrei si esaudiscono.




Per il mio compleanno vorrei… una bella fetta di torta al cioccolato. Vorrei vedere la neve. Vorrei mangiare sushi. Vorrei ridere, scherzare ed essere tanto felice. Vorrei ricevere tanti abbracci, coccole e baci. Vorrei una brava fata madrina ad indicarmi tutti i miei sbagli. Vorrei cucinare a più non posso. Vorrei palloncini rosa. Vorrei degli auguri speciali. Vorrei un mazzo di rose. Vorrei mangiare un cornetto al cioccolato. Vorrei brindare a fine giornata con una buona bottiglia di spumante, magari Brachetto…



Ma sapete? Alla fine, mi accontento anche di una bottiglia di Tennent’s.
Sapete? Alla fine mi accontento anche di non ricevere nessun fiore e sarò felice se, gli unici auguri, saranno quelle delle mie amiche. Sarò felice anche se non vedrò la neve per oggi. Sarò Felice, semplicemente. Perché oggi è il mio giorno. Non perfetto, forse nemmeno memorabile. Ma pur sempre, il mio giorno. Il Primo di una lunga serie di pagine, che andranno a completare questo capitolo… semplicemente, intitolato: 19!


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...