venerdì 30 settembre 2016

cooking with me. la ricetta del pan di spagna



Settembre è tempo di nuovi inizi, di nuove cose da raccontare.
E allora partiamo dal principio. Da quando 5 anni fa decisi di iscrivermi all’alberghiero, di quando mi sono lasciata sempre più trasportare dalla passione e ho iniziato a memorizzare così tante tecniche e ricette a memoria, senza sentire nessuna fatica. O di quando 3 anni fa scopri il magico mondo del blogging; oppure parliamo di quando mutai il ruolo da lettrice a scrittrice. E di come, da quel momento in poi, la passione e la voglia di condividere aspetti della mia vita, abbia preso il sopravvento. Volevo raccontarmi in un modo nuovo; attraverso le ricette. Con uova, zucchero e farina volevo dare voce alle mie emozioni, ai sentimenti che mi fanno prendere talvolta decisione pazze o lasciare andare via treni, che non ho avuto mai il coraggio di saltare dentro. Ho scritto in due anni 132 post nei quali ho raccontato tanto. Momenti più o meno intimi, lacrime da spazzare via con un sorriso, la forza di farcela e rinascere. Ho scritto tanto del mio mondo interiore. Ho delineato una Federica, che nemmeno io pensavo che potesse esistere. Sono stati anni in cui ho creduto tanto negli altri e troppo poco a me. In cui sono cambiata, in cui ho trovato nuove stelle in cui sperare e nuovi sogni da poter accudire.


E ora?

Questa Federica si è diplomata con ottimi voti il primo luglio 2016. Questa Federica vuole far parlare di se’, non solo per quello che pensa ma per quello che riesce a creare! Perché sì, non sono tutte chiacchiere e cuoricini. La Federica diplomata è quella che conosce ingrediente per ingrediente tutte le sue proprietà e il modo migliore per farlo risaltare. Sa fare tutte la maggior parte delle preparazioni base. Lavora attualmente in un ristorante, ma per il resto della vita sogna ben altro. La Federica di oggi non “se la canta e se la suona” (come può sembrare in questo post), ma vuole essere una persona precisa. Mi sono stancata di scrivere e scrivere… ora voglio passare alle azioni. E buuum! Ho pensato bene di far nascere una nuova sezione. Cooking with me dove, articolo dopo articolo, delineerò un tour virtuale nella cucina classica, basic, che può essere trasformata e ri-trasformata secondo la propria creatività!
Io vi lascio la base, il resto le mettete voi.
Siete pronte Girls?! Iniziamo con un buon pan di spagna. Difficile?! Assolutamente no!




Pan di Spagna

{Il pan di spagna è una delle basi della pasticceria italiana più utilizzata ed amata. E’ una preparazione semplice e versatile. Di fatto servono pochi passaggi per poter sfornare un pan di spagna da leccarsi i baffi! Gli ingredienti utilizzati sono: uova ben  montata insieme allo zucchero, farina e aromi vari. Nessuna traccia di lievito, sfatiamo questo mito! In questa torta non ci va la magica polverina. Al massimo possiamo sostituire una parte di farina con la fecola di patate per poter ottenere un impasto ancora più morbido. Gli aromi da utilizzare di solito sono vaniglia o limone. Io uso sempre ed esclusivamente la buccia grattugiata di un limone. E’ un impasto questo, che ci permette di giocare con la nostra più fervida fantasia. Con aggiunta di caffè in polvere può diventare una torta al caffe, si può trasformare in mimosa, zuppa inglese o nella più comune versione torta panna e fragole. Non si può non provare a fare almeno una volta nella vita. Non si può festeggiare compleanno senza esso e , soprattutto, non si può non amarlo. Pure nel latte caldo è fantastico! }

4 uova intere  - 3 tuorli - 120 g zucchero - 125 g farina 00


In una boule capiente montiamo, per prima cosa, le uova intere e i tuorli con lo zucchero. Per un pan di spagna soffice dobbiamo montare il composto il più possibile, ottenendo così un a crema spumosa e chiara. Per fare ciò basteranno 10 minuti a fruste azionate. Dopo di che con una spatola incorporiamo la farina, dal basso verso l’alto, pen non smontare il composto. Trasferiamo il composto in un stampo per dolci imburrato e infarinato. Facciamo cuocere in forno ventilato preriscaldato a 180° per circa 40 minuti. (Prima di sfornare, ricordo prova stecchino.) A cottura ultimata, facciamo raffreddare benissimo, tagliamo e farciamo con la nostra creatività!


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...